Un evergreen che non ti aspetti!

Un evergreen che non ti aspetti!

Lo stile ANIMALIER!

animalier elegante

“Le donne sciocche seguono la moda, le pretenziose l’esagerano; ma le donne di buon gusto vengono a patti con essa.”

Émilie du Châtelet, Discorso sulla felicità, 1779

L’animalier, facilmente deducibile, risale alla preistoria. Il suo nome deriva dal greco “zoote” (stampa di origine animale maculata).

Furono infatti gli uomini primitivi a vestire pelli leopardate e zebrate ma non per moda, quanto per necessità.

Nel corso degli anni però, l’esigenza ha lasciato il posto alla tendenza. E fu così che dal ‘700 in poi, l’uso dell’animalier si è diffuso non solo a livello di abbigliamento, ma anche di arredamento.

Quel jungle style tanto di tendenza oggi, che trasforma le case moderne in vere e proprie foreste lussureggianti.

Probabilmente il successo dello stile maculato o zebrato, sia nella moda che nell’arredamento, è da attribuirsi al forte carattere e alla grande personalità che i tessili e le pelli stampate di questo genere, riescono ad imprimere.

Inoltre, anche la versatilità delle tinte utilizzabili, ed i numerosi tipi di tessuti che il mercato ha creato, da leggeri a pesanti, fino alle pellicce, lo rendono particolarmente variegato ed appetibile.

Nella moda, il pioniere dello stile “wild” è stato Christian Dior, nel secondo dopoguerra.

Molti gli stilisti che lo hanno imitato sin da subito, facendo diventare questo stile di moda, un vero cult che si presta per outfit animalier sia invernali che estivi.

Questo stile infatti ha vissuto sempre in bilico tra l’essere volgare è il fin troppo sexy.

Va saputo portare, certo, ma se abbinato con scaltrezza e intelligenza può aiutarci a raggiungere picchi di eleganza estremamente sofisticati.

Una sola e semplice regola: domare lo stile animalier associandolo ad un look basico.

Tutti i giorni su pullover e cardigan da sdrammatizzare con un semplicissimo paio di jeans.

Oppure per dare un tocco più deciso alle camicette con colletto bon ton che spopolano quest’anno. O ancora su un bel capospalla perfetto per rendere speciale una mise total black.

Ad un pantalone leopardato abbinare giacca, scarpe e cappello, in nero o beige. Ad un cappotto animalier invece, un outfit color beige, nero, o bianco.

E per quanto riguarda gli abiti? Abbinati ad accessori e capi spalla sobri in tinta unita.

look animalier

Per chi vuole cavalcare il trend ma non se la sente di strafare, basta un piccolo accessorio: una tracolla o un paio di pumps, faranno la differenza anche sugli outfit più basic.

tracolla animalier

Insomma anche per lo stile animalier, la regola è sempre la stessa: buon senso (o buon gusto, come direbbe qualcuno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.