ECO-PELLICCIA: Lusso sì, ma consapevole e fur-free

ECO-PELLICCIA: Lusso sì, ma consapevole e fur-free

È questo il messaggio lanciato da una delle ultime tendenze moda della prossima stagione, che propone tra i must have, l’eco-pelliccia avvolgente, morbida e che rispetta gli animali.

Con il termine “pelliccia ecologica” si definisce un tessuto molto simile a quello della pelliccia di animale.

Generalmente viene prodotta con fibre naturali, come il cotone, artificiali, come la viscosa e sintetiche, come l’acrilico.

Tutti questi tessuti vengono colorati e stampati a somiglianza dei manti naturali degli animali o con colori di fantasia, seguendo i trend dettati dal mondo della moda.

Nasce nel 1929, ma grazie al diffondersi di nuovi materiali e al crescente impegno delle organizzazioni per la protezione dei diritti animali, la produzione e popolarità di questo capo è aumentata notevolmente.

Sono le protagoniste della nuova tendenza che sta dirigendo sempre più persone, compresi stilisti e designer, verso acquisti più responsabili, nel rispetto dell’ambiente e degli animali.

Dopo il pioniere Calvin Klein, che ha adottato la politica fur-free dal 1994, a lui sono seguiti Stella McCartney, Michael Kors, Versace, Giorgio Armani, Burberry e in ultimo Gucci (tanto per citarne alcuni).

La pelliccia ecologica trasforma l’outfit in un look eccentrico e giocoso con un’artigianalità alla massima potenza e design da haute couture.

Se vuoi un look da giorno, maglione in lana, jeans e anfibi, insieme a una borsa a tracolla, sono i perfetti alleati di una bella eco-pelliccia, magari in una qualche cromia pastello, come rosa cipria o azzurro cielo.

Mentre per la sera bluse e maglioni sottili sono perfetti, soprattutto se coordinati a tubini o magari pantaloni palazzo o culotte, ma anche vestiti in tinta unita semplici ed eleganti.

Lasciatevi conquistare dai tacchi e prediligete delle borse a mano, come le clutch o delle minibag da portare a tracolla. Aggiungete qualche bijoux e il gioco è fatto.

Una moda nuova, attenta alle esigenze del mondo della moda e ambientale. Qualcosa sta finalmente cambiando!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.