Il colore che scegli rivela chi sei!

Il colore che scegli rivela chi sei!

Fino a qualche tempo fa, non si pensava affatto che l’arredamento dell’ufficio o che l’outfit del giorno potesse influenzare la qualità della nostra vita. Oggi, invece, vari studi affermano come la scelta di un colore sia in grado di influire molto sull’uomo sia a livello fisico che mentale. 

Sembrerà assurdo eppure, se ti ci soffermi solo per un attimo, noterai che i colori hanno sempre avuto un ruolo determinante nella vita di ognuno di noi.

Pensa ad esempio all’imponente significato che assume il rosso nei dipinti di Caravaggio.

Un colore così evocativo che diventa la sua “firma indelebile” ed evidenzia tutto il dramma e la ribellione nelle sue opere di maggiore spicco.

Come nella Morte della Vergine, dove Maria veste di rosso e non di nero (come da tradizione), diventando così “l’opera dello scandalo“.

Leggi anche: https://www.artesvelata.it/morte-vergine-caravaggio/

La Morte della Vergine – Caravaggio (1571-1610)

O, ancora, ti sei mai chiesto come mai negli uffici spesso sia il blu il colore predominante?

Il motivo è semplice: se si vuole un ambiente lavorativo che stimoli la concentrazione e riduca lo stress, sono necessarie scelte cromatiche che vadano aldilà della tendenza e della moda.

Questo perché i colori scatenano reazioni chimiche nella gente e quindi generano effetti emozionali: dal comfort all’ostilità, dalla serenità alla rabbia.

A tal proposito, la cromoterapia definisce il blu come il colore per antonomasia che stimola la concentrazione e trasmette stabilità e sicurezza.

Leggi anche: https://blog.euroffice.it/cromoterapia-e-se-funzionasse-anche-in-ufficio/

In altre parole, un colore non è fine a se stesso ma racchiude una psicologia al suo interno che influenza le nostre emozioni ed esprime la nostra personalità.

Spesso però le scelte cromatiche – che siano per gli outfit piuttosto che per l’arredamento – le facciamo inconsciamente e raccontano il nostro stato d’animo e il periodo di vita che stiamo vivendo.

Basti pensare al colore che adoravi indossare da bambino: molto probabilmente non è lo stesso che scegli istintivamente ora.

Considera, ad esempio, l’adorato total black: perché è il jolly indiscusso del nostro armadio o perché “le forme così non si vedono!“, ormai è diventato un must have , non è vero?

In realtà dietro questa scelta potrebbe nascondersi un motivo ben più profondo.

E’ stato constatato, infatti, che se ci alziamo di malumore, tendiamo a scegliere colori spenti e negativi.

Se invece iniziamo la giornata con il piede giusto, preferiamo colori più allegri che esprimono vitalità e gioia anche a chi ci sta attorno.

Quanto sarebbe bello, allora, scegliere i colori in maniera cosciente e produttiva?

Punta, quindi, sui quei colori che possono cambiarti lo stato d’animo proprio grazie a quello che trasmettono e finalmente potrai “decidere” di essere felice!

Leggi anche: https://www.megliodimaglia.com/2021/02/05/quali-colore-scegliere-per-il-mio-outfit/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *